2 marzo 2017 4 02 /03 /marzo /2017 18:04

Fra le eccellenze del nostro territorio, certamente un posto importante lo occupa il Parco Giardino Sigurtà di Valeggio. Adagiato sulla collina morenica in riva sinistra del Mincio, il parco si estende su una vasta superficie. Sono 60 ettari di meraviglia, fra ampi tappeti erbosi, piante secolari, ombrosi vialetti, laghetti incantati e distese di fiori colorati, un ambiente di straordinaria bellezza.

L’origine risale al tardo Medioevo quando, sotto la dominazione veneziana, il terreno venne acquistato dal patrizio Gerolamo Nicolò Contarini ed era definito un semplice “brolo cinto de mura”. Attraverso i secoli il parco ha vissuto momenti di decadenza e di rinascita e ha cambiato più volte proprietà passando prima alla famiglia Guarienti, poi ai Maffei, ai Nuvoloni, a Maria Paulon e infine, nel 1941 alla famiglia Sigurtà che lo ha portato allo splendore attuale.

Come per le numerose ville dell’epoca, in origine il giardino, piccolo e geometrico era parte integrante della villa stessa ed era riservato ai proprietari per momenti di svago e tranquillità. Negli anni successivi venne progressivamente allargato e, in seguito alla preziosa concessione di attingere acqua dal Mincio a scopo irriguo si coprì di vegetazione rigogliosa tanto che il poeta Ippolito Pindemonte rimase affascinato dal luogo, dall’armonica geometria dei giardini e la strabiliante bellezza dei panorami cogliendone ispirazione per vari suoi componimenti

Il giardino in quell’epoca assunse l’aspetto di un romantico “Giardino all’Inglese” e si arricchì di angoli suggestivi come l’Eremo, il Castelletto e la Grotta Votiva, un luogo “semplice, negletto e rustico” perfetto per la conversazione, la lettura e la musica. A metà dell’Ottocento il luogo diventa spettatore e teatro delle vicende risorgimentali e dal suo poggio, dominante la valle del Mincio gli imperatori Francesco Giuseppe e Napoleone III assistettero alle più importanti e cruente battaglie delle Guerre d’Indipendenza. Seguì un periodo di decadenza e di abbandono fino a quando Giuseppe Carlo Sigurtà acquistò la proprietà e ne perseguì la sua definitiva rinascita.

Dal 1978 il parco è aperto al pubblico ed è frequentato ogni anno da centinaia di migliaia di visitatori, Altre attrattive si sono aggiunte in questi ultimi anni, come il monumento dedicato a Carlo Sigurtà, un bronzo di più di tre metri che accoglie dall’alto del Belvedere i visitatori. Sullo stesso Belvedere di Giulietta e Romeo, nel versante che domina la valle del Mincio sorge la Meridiana Orizzontale dedicata a Galileo Galilei. Il Viale delle Rose, con sullo sfondo la sagoma del Castello Scaligero di Valeggio, conduce al Labirinto, uno straordinario percorso circolare dove orientarsi fra cespugli di tasso diventa un’impresa ardua. A primavera la fioritura dei tulipani colora il parco con oltre un milione di bulbi. Nel 2013 il parco è incoronato come “Più bello d’Italia” e due anni dopo riceve l’importante riconoscimento di “Secondo parco più bello d’Europa”.

Tanto lavoro ma soprattutto tanto amore e tanta passione!” Spiega il conte Giuseppe Sigurtà, ed è questa la filosofia che ha portato ad una realtà apprezzata in tutto il mondo. Qui la natura, valorizzata e curata da sapienti ed appassionate mani, mostra tutta la sua bellezza. Il perfetto tappeto erboso, le grandi querce, i viali nel bosco, i laghetti incantati, le distese di fiori variopinti fanno del Parco Giardino Sigurtà un ambiente quasi fiabesco, un autentico Paradiso Terrestre.

PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’
PARCO GIARDINO SIGURTA’

Condividi post

Published by veronareport.over-blog.it
scrivi un commento

commenti

Contatta Verona Report

Ricerca Nel Sito

Sostenitori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

seguici_su_facebook.png

 

 

 

Le nostre rubriche


Eventi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CORSI E CONCORSI

Mondo Associativo