ADIGEMARATHON 2018

La cronaca dell'Adigemarathon è il racconto di una festa, un'autentica festa per lo sport acquatico fluviale. Nata nell'ormai lontano 2004 la maratona fluviale di canoa, kayak e rafting più importante d'Italia arriva al traguardo delle 15 edizioni. Ideata da un gruppo di appassionati un po' visionari ma concreti, dal primo nucleo dei 300 partecipanti alla prima edizione, ha saputo man mano crescere e diventare evento di riferimento per tutti gli appassionati che gravitano nel mondo degli sport fluviali. Vladi Panato è la mente e l'anima dell'organizzazione; egli, olimpionico plurimedagliato, ha saputo reinventarsi da atleta di livello mondiale a promotore di attività sportive e sta  facendo crescere un gruppo di vere promesse che ha saputo fare incetta di medaglie nelle varie gare

L'evento è organizzato dal Canoa Club di Pescantina assieme a quello di Borghetto d’Avio e ai comuni di Dolcè e Pescantina.  La distanza prevista è quella dei 35 km da Borghetto d’Avio a Pescantina e anche quest'anno è una tappa del World Series di Classic Canoe Marathon.

La giornata è splendida, a Borghetto d'Avio si radunano gli agonisti, sono 370 con le loro imbarcazioni vivacemente colorate. È lì che parte la gara, dove L'Adige lascia il Trentino per proseguire la sua corsa nel Veneto. Poco prima delle 10… Pronti via! si parte; l'adrenalina è alle stelle e il ritmo delle pagaiate è frenetico. La Terra dei Forti osserva il serpentone multicolore che segue i Meandri del fiume nella verdeggiante Valle dell'Adige. Al ponte che unisce Peri a Rivalta le prime difficoltà: il superamento delle rapide rende spettacolare il passaggio e qualche ribaltamento è preventivato. Per questo un nutrito gruppo di assistenti è pronto ad intervenire in caso di bisogno.

All'Isola di Dolcè fremono i preparativi per la partenza della mezza maratona riservata ai ragazzi tra i 12 e i 15 anni. Inoltre è prevista la gara di rafting valevole per il campionato italiano maratona e quella dei Sup. Il clima è allegro e festoso e l'ambiente fluviale è accogliente e suggestivo. Oltre 600 sono gli amatori che si cimenteranno sulla distanza dei 20 km che li separa dalla arrivo a Pescantina. L'organizzazione è coadiuvata da oltre 300 volontari che risultano determinanti per lo svolgimento della manifestazione occupandosi della logistica, della viabilità, della sicurezza e allestendo i ristori sparsi sul percorso.

La Chiusa di Ceraino regala un pittoresco scenario ai numerosi spettatori che si accalcano sulle rive. Per i maratoneti deve essere certamente affascinante attraversare la stretta gola scivolando a filo dell'acqua.

Pescantina da sempre in simbiosi col “suo” fiume accoglie i partecipanti ricambiandoli della fatica con un meritato pranzo a base di tortellini, Cotechino e pearà. E lì, a tavola, a scambiarsi sensazioni e pareri e a raccontarsi avventure e aspettative condividendo la propria passione si conclude una giornata di sport e di festa.

 Il bilancio della giornata vede un ennesimo successo dell’Adigemarathon con il record di partecipanti: ben 1482. Vincitore assoluto il K2 tedesco Senior Olimpico di Kroener/Paufler del Wassersport Wiesbaden 1921, con il tempo di 1h.54’.26” davanti ai cechi Mruzek/Slepica del Czech Canoe Team e agli altri tedeschi Willscheid/Friedrichsh Flury della Mammern.

Arrivederci alla prossima edizione del 20 ottobre 2019.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.