Corso Esperti Promotori della Mobilità Ciclistica – Università di Verona

 

La bicicletta sta diventando sempre di più il mezzo ideale per muoversi in città; il suo uso serve a migliorare la qualità dell’aria e la vivibilità dei centri urbani, modificando la mobilità troppo spesso impostata sull’uso dell’auto privata, sia nell’ambito cittadino che nei collegamenti fra i vari centri abitati.

Anche il turismo vede la bici come una risorsa ormai affermata e in continua espansione. Il cicloturismo itinerante favorisce le economie locali alleggerendo nel contempo la congestione dei centri principali. La pratica del ciclismo sportivo, della mountain bike e del cicloturismo stanziale contribuiscono a far aumentare in modo consistente le presenze turistiche  di un territorio.

La promozione della mobilità ciclistica è perciò ormai una necessità e prevede azioni costruttive come la realizzazione e la messa in sicurezza dei percorsi, piste ciclabili, zone 30, l’allestimento dei servizi come bici-stazioni, noleggio e bike-sharing, e la realizzazione di segnaletiche adeguate, con indirizzamenti precisi e relativa cartografia.

I benefici dell’incremento della mobilità ciclistica vanno a ricadere sulla qualità della vita, grazie alla riduzione dell’inquinamento, rendendo le città e i territori più vivibili

Su questa premessa, all’Università di Verona è nata l’idea di un corso per la formazione di “ESPERTI PROMOTORI DELLA MOBILITA’ CICLISTICA”. Una figura che vuole essere punto di riferimento per le realtà che riguardano il mondo della bicicletta.

Il corso si articola in dieci giornate di cui sei in aula e quattro in bicicletta e si propone di fornire agli allievi le competenze specifiche sull’argomento.

 

Nelle lezioni teoriche il tema complesso della mobilità ciclistica viene trattato evidenziandone gli aspetti tecnici che spaziano nei seguenti ambiti:

  • Pianificazione della mobilità ciclistica nei centri urbani
  • Piste ciclabili: come vanno fatte, criteri e specifiche
  • Organizzazione del traffico – Mobility management – Viabilità ciclistica
  • Cicloturismo pianificazione direttrici del territorio – Indotto ed economia
  • Governance – Individuazione idee condivise sulla mobilità
  • Salute – benefici alle persone e alle città

Nelle quattro giornate in bici si visitano i luoghi d’eccellenza dove si è saputo per primi cogliere questa opportunità e si sono evolute delle strutture adeguate alla mobilità ciclistica:

  • Mestre – rete urbana ben strutturata e funzionale
  • Bolzano – Infrastrutture all’avanguardia – esperienza nella mobilità ciclistica
  • Garda e Terre del Custoza – cicloturismo – segnaletica adeguata
  • Valsugana – strutture coordinate – competenze tecniche – servizi per il cicloturismo

L’esperienza porta a far constatare la qualità della mobilità nelle città e nei territori già all’avanguardia nei servizi per la mobilità sostenibile e per il cicloturismo.

Lo scopo di questo corso è quello di far nascere una figura professionale riconosciuta per valore e competenze e ricercata per affidare progetti e sinergie rivolti a sviluppare la mobilità ciclistica.

Cinque sono stati finora i corsi che hanno formato 99 Esperti Promotori residenti in quasi tutte le regioni italiane ed è in fase di avvio il 6° corso 2019 con una trentina di iscritti.

                                                                              Per info: http://www.dnbm.univr.it/?ent=cs&id=588&tcs=P

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *