SMOGMAGICA. OMAGGIO A LE ORME E ALLA PFM. CONCERTO DI BENEFICENZA

 

Venerdì 27 ottobre alle 21:00, presso l’Auditorium del Palazzo della Gran Guardia di Verona, si è tenuto un importante evento benefico a favore della RETE VENETA DELLE CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE (Reparto UOC PEDIATRIA C – AOUI VR; Hospice Pediatrico della Regione Veneto – AOU PD; Servizi pediatrici ULSS 9 Verona), evento presentato ufficialmente il 17 ottobre presso Palazzo Ferro Fini a Venezia, sede della Regione del Veneto.

L’iniziativa, ideata da Federico Martinelli, Presidente dell’Associazione Culturale Quinta Parete di Verona, ha visto coinvolto il gruppo musicale “SmogMagica” in un energico e intenso omaggio a “Le Orme” e alla “PFM” con l’intento di raccogliere fondi a favore della succitata causa. L’evento, con
ingresso a offerta responsabile, ha permesso di raccogliere complessivamente 14.963,10 euro così destinati:

– 3.500 euro a ULSS 9
finalizzati a una borsa di studio per un Master in terapia del dolore e cure palliative pediatriche

– 1.250 euro per un progetto di Medicina Narrativa
dedicato alla formazione del care giver di bambini affetti da patologia ad alta complessità di cure sul tema della lettura e del gioco.
– 5.106,55 euro ad AOUI Verona
a sostegno del Pin Project – reparto di Pediatria C

– 5106,55 euro all’Hospice Pediatrico di Padova
a sostegno delle attività delle cure palliative pediatriche

A concorrere alla possibilità di destinare il 100% delle offerte del pubblico alla nobile causa sono stati Amia e Atv, rispettivamente con un contributo di 1.000 euro ciascuno, Consorzio Zai con un contributo di 960 euro, nonché l’Associazione Quinta Parete stessa che ha garantito, oltre l’attività di organizzazione e promozione, l’inattivo dell’evento ovvero 593,23 euro (in allegato tabella dei costi con il dettaglio). Unitamente agli sponsor citati l’evento è stato possibile, in questa formula, grazie anche ai partner tecnici che hanno voluto partecipare in forma gratuita per i servizi di: assistenza e vigilanza (ditta Fope); service gestione del Palazzo (ditta Bsa Eventi); Ennevi Studio Fotografico (per immagini serata e consulenza); Scripta Editore (stampa dei manifesti) e Ferrarin Pianoforti (per la registrazione dello spot radio).

Inizialmente pensato per il finanziamento del “PIN project: pediatric interdisciplinary network”, progetto della UOC Pediatria C AOUI Verona, ideato dalla dott.ssa Erika Rigotti per la “formazione ultra specialistica e per l’aggiornamento continuo per la miglior assistenza e presa a carico delle patologie complesse pediatriche”, l’evento si è poi esteso all’AOU PD dove è presente l’Hospice pediatrico, Centro di riferimento Regionale per le cure palliative e per la terapia del dolore e all’ULSS 9, che collabora con i servizi pediatrici alla rete veneta. Referenti ospedalieri per l’Azienda veronese sono il Prof. Giorgio Piacentini, che guida il reparto di Pediatria C di Borgo Trento e la dott.ssa Erika Rigotti, Specialista in Pediatria del medesimo ospedale e, per l’AOU di Padova, la dott.ssa Franca Benini, Responsabile del Centro Regionale Veneto di Terapia del Dolore e Cure Palliative Pediatriche.

Durante la serata – che ha visto la partecipazione di 680 persone, accolte grazie alla disponibilità di un gruppo di volontari di ogni età, con un auditorium completamente esaurito – è stata fatta luce sulla tematica delle cure palliative pediatriche. L’intento, come sottolinea l’ideatore, è stato infatti duplice:
«raccogliere fondi con una destinazione chiara, senza distogliere alcuna somma alla causa benefica e far conoscere il lavoro di straordinari specialisti che dedicano la loro attività medica a un aspetto così particolare e delicato delle discipline pediatriche.»

Nutrita anche la partecipazione degli Enti patrocinanti: oltre al Comune di Verona hanno dato il loro plauso Regione Veneto, Provincia di Verona, Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Verona, Ordine degli Infermieri di Verona, Ordine degli Psicologi del Veneto, Ordine dei Fisioterapisti di Belluno, Treviso, Vicenza e Verona, Federazione Nazionale degli Ordini tecnici sanitari radiologia medica e professioni sanitarie tecniche della riabilitazione e della prevenzione, Università degli Studi di Verona – Dipartimento di Scienze Chirurgiche Odontostomatologiche Materno Infantili, unitamente all’AOUI Verona, all’AOU Padova e all’ULSS 9 di Verona a cui si aggiungono La miglior vita possibile, realtà padovana che già si occupa di raccolta fondi per analoghe finalità e a sostegno dell’Hospice Pediatrico di Padova, L’Acero di Daphne, associazione attiva nel veronese nell’ambito delle cure palliative in età adulta, realtà presenti quella sera e tra gli ospiti e sul palcoscenico per i saluti iniziali.

Hanno inoltre partecipato e sostenuto il progetto Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio ETS e Fondazione per l’infanzia Ronald McDonald Italia ETS, punti di riferimento per il sostegno all’Infanzia e presenti alla serata con numerosi esponenti tra dirigenti e volontari.

Nelle due ore di spettacolo si è anche tenuto un momento di leggerezza che ha visto impegnati sette bambini intenti a raccogliere fondi per una divertente lotteria con l’estrazione di oltre trenta premi offerti da: Ristorante Maffei, Parco Termale Aquardens, Azienda Agricola Franco Predomo e Cantina Il Gorgo unitamente a biglietti per spettacoli teatrali (Teatro Modus, El Gavetin) e concerti di Quinta Parete.

Conclude Martinelli: «ringrazio il pubblico, così partecipe e attento sia la serata dell’evento sia nei giorni precedenti durante i quali molti si sono fatti portavoce per diffondere la notizia del concerto, entusiasmo che già proietta tutte le persone coinvolte nell’ipotesi di organizzare altri momenti di aggregazione al fine di diffondere con maggiore compiutezza il tema delle cure palliative pediatriche.»

Guarda le foto della serata a cura del nostro fotografo Carmine De Paola clicca qui

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.