PERCORSO CICLOPEDONALE DELLE RISORGIVE

 

 

Con l’inaugurazione di quest’opera la provincia di Verona si arricchisce di un importante percorso che si inserisce nelle varie realtà ciclabili della zona fungendo da collegamento fra di esse.

Dall’Adige al Mincio, nei suoi 35 km completamente pianeggianti, la ciclopedonale delle “Risorgive” collega i due fiumi attraversando la pianura a sud di Verona correndo per gran parte del suo percorso sull’argine del “Canale Raccoglitore” costruito agli inizi del secolo scorso per raccogliere l’acqua irrigua in eccesso dell’alta pianura.

Otto sono i comuni attraversati: S. Giovanni Lupatoto (capofila del progetto), Zevio, Buttapietra, Vigasio, Castel D’Azzano, Povegliano, Villafranca e Valeggio, che si sono coalizzati per portare a compimento l’opera.

Il percorso ha inizio al Parco del Pontoncello, qualche chilometro a sud-est di S. Giovanni e si innesta alla ciclabile dell’Adige che corre sull’argine fino a Zevio. La “Casa Bombardà”,posta proprio all’inizio della ciclovia, diventerà un centro di documentazione con adiacente un punto di ristoro per i cicloturisti. Nel suo percorso verso ovest, la ciclopedonale incrocia numerose e importanti arterie stradali e sono funzionanti diversi semafori a chiamata che permettono di attraversarle in tutta sicurezza.

Per l’attraversamento invece della ferrovia e dell’autostrada sono state realizzate delle passerelle  in cemento armato che si inseriscono nel sottopasso del canale sfruttandone lo spazio al di sopra il livello dell’acqua. Fino a Povegliano il fondo è asfaltato mentre per i restanti chilometri nei comuni di Villafranca e Valeggio molti tratti sono sterrati ed è utilizzata la viabilità esistente. A Borghetto il percorso si innesta con la Ciclabile del Mincio che è parte del percorso europeo Eurovelo7 che congiunge il Nord Europa al Mediterraneo: la famosa Ciclopista del Sole ormai ribattezzata L’autostrada delle ciclabili.

Il taglio del nastro al Pontoncello avviene alla presenza delle autorità ed è seguito da una folla festante di ciclisti venuti a collaudare il nuovo tracciato formando un serpentone multicolore. Ad accompagnarli, come sempre ci sono gli Amici della Bicicletta di Verona, accesi promotori di queste iniziative. All’arrivo di Valeggio poi è allestito un mega-ristoro con un piatto di tortellini per tutti a concludere in allegria una bella e salutare giornata e poi… si sa, pedalando in compagnia è più facile dimenticare i problemi della vita.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *